Ad Banner
Home > Comunicati stampa > Comunicati 2005 > Sopaf Spa acquista il 26% di Sadi Spa ed entra nel settore delle bonifiche ambinetali e dello smaltimento dei residui inquinanti
Sopaf Spa acquista il 26% di Sadi Spa ed entra nel settore delle bonifiche ambinetali e dello smaltimento dei residui inquinanti



• Sopaf Spa, attraverso la controllata Ida Srl, acquista il 26% di Sadi Spa.
• Entro la fine di novembre, Ida Srl intende promuovere una offerta pubblica di acquisto volontaria sulla totalità delle azioni di Sadi.

 

Milano, 24 ottobre 2005

Sopaf Spa (SOPAF) e Industriale Tre Sa (Industriale Tre) comunicano che in data odierna la società Ida Sr (IDA), interamente controllata da SOPAF, ha stipulato con Industriale Tre un contratto avente ad oggetto l’acquisto, dalla stessa Industriale Tre, di n. 2.700.000 azioni ordinarie, pari a circa il 26% del capitale sociale, di Sadi Spa (SADI), società quotata sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. (MTA) per un corrispettivo pari a Euro 1,75 per azione e, quindi, per complessivi Euro 4.725.000,00.
Tale corrispettivo sarà integralmente pagato in contanti contestualmente al trasferimento a IDA della titolarità delle azioni compravendute (che avverrà prevedibilmente il 27 ottobre p.v.). Industriale Tre Sa manterrà una partecipazione in SADI pari a circa il 5% del capitale sociale. 
L’operazione rientra nella strategia di diversificazione del portafoglio proprietario perseguita da SOPAF volta ad effettuare investimenti in settori di nicchia, attraverso la costituzione di veicoli specialistici (quale IDA) che consentano di creare sinergie, a livello settoriale, tra investimenti simili in termini di know how e skill operativi, accelerando il processo di creazione del valore.

Attraverso l’operazione sopra prospettata, SOPAF compie il primo investimento in una azienda operante, tra l’altro, nel settore delle bonifiche ambientali e dello smaltimento dei residui inquinanti. Anche a seguito delle recenti normative italiane e comunitarie in materia ambientale, SOPAF ritiene che il settore presenti prospettive di crescita interessanti e si pone l’obiettivo di favorire la crescita di SADI, anche attraverso operazioni di aggregazione con altre realtà operanti nel settore delle bonifiche ambientali e del trattamento di rifiuti industriali. La copertura finanziaria dell’acquisizione è stata assicurata a IDA da un finanziamento soci di SOPAF che ha attinto alle sue disponibilità liquide.

SADI è una società di diritto italiano, quotata sul MTA, con capitale sociale di Euro 5.356.000,00 ed opera sia nel campo della bonifica ambientale di terreni ed aree civili, industriali e navali, consistente nelle indagini tecniche per il rilevamento dell’inquinamento, nella ricerca della soluzione più idonea, nell’attività di bonifica e di trattamento e smaltimento dei residui inquinanti, sia nel campo dell’architettura, principalmente con la progettazione e produzione di controsoffitti, pavimentazioni sopraelevate e allestimenti navali.
 
Dalla semestrale approvata dal consiglio di amministrazione di SADI il 12 settembre 2005, emergono i seguenti principali dati economico finanziari:
• ricavi a 22.310 migliaia di Euro (+49,5% rispetto al primo semestre 2004); 
• valore della produzione a 22.693 migliaia di Euro (+37,4% rispetto al primo semestre 2004); 
• risultato del periodo - 785 migliaia di Euro (risultato del primo semestre 2004 - 3.314 migliaia di Euro);
• posizione finanziaria netta a 10.008 migliaia di Euro (9.695 migliaia di Euro al 30 giugno 2004); 
• entrata ordini a 23.906 migliaia di Euro contro 21.753 migliaia di Euro nel primo semestre 2004 (+9,9%); 
• portafoglio ordini a 25.854 migliaia di Euro contro 27.861 migliaia di Euro al 30 giugno 2004 (-7,2%). 

IDA ha intenzione di promuovere entro la fine di novembre una offerta pubblica di acquisto volontaria ai sensi dell’articolo 102 del d. lgs. 58/1998, sulla totalità delle azioni ordinarie di SADI, al corrispettivo di Euro 1,80 per azione da corrispondersi in contanti. Qualora l’adesione all’OPA portasse IDA a detenere una partecipazione superiore al 90%, IDA fin d’ora dichiara di voler ripristinare, entro i termini previsti dalla normativa vigente, il flottante sufficiente ad assicurare il regolare andamento delle negoziazioni e pertanto SADI rimarrà quotata.

***

Per ulteriori informazioni:

Maria Antonietta Barelli
Sopaf. Spa
Tel. +390272142429

Marco Sterzi
Industriale Tre Sa
Tel. +352 463247

Ultimo aggiornamento: 21/12/2005
copyright 2006 Sopaf SpA in liquidazione - P.IVA 05916630154 - all right reserved